Gay/single/tranquillo

Sto bene!
L'avvilimento da mondo orribile, malato e schifoso ê terminato da un po'.
Oggi ho sulla maglietta un profumo nuovo, che non mi appartiene, ma mi piace e non faccio altro che annusare il girocollo pensando a dei frammenti vissuti.
Non ho pretese e non riesco ad averne in nessun campo.
Domani compio 28 anni, a 21 pensavo che arrivato qui, avrei potuto vivere la mia vita tranquilla, lavoro, casa e qualcuno da aspettare una volta tornato.
Non sono desideri esagerati, ma per come vanno le cose bisogna anche sperare di vivere una vita normale e serena.
Indubbiamente so cosa fare e gli errori da non commettere in futuro, il che mi rende forte e pronto ad aprirmi a tutto senza troppi paletti e costrizioni.
Andrâ come deve andare!
La scena gay e non solo al momento mi mostra un quadro abbastanza deludente,
Io compreso sono spaventato dal rimanerci secco di nuovo, ma intorno a me si stanno rompendo troppi rapporti, anche quelli su cui contavo per credere ancora in qualcosa di intenso tra due individui.
Ho paura ma ci berró sopra!
Non so cosa farô per festeggiare il mio ventottesimo anno di vita, magari un tortino davanti ad un horror in bianco e nero oppure una serata assieme agli amici, che non mi hanno mai lasciato sprofondare e che amo più di ogni altra cosa al mondo.
Nella vita tutti si rivelano per quello che sono prima o poi e per mia fortuna oltre all'apparenza sto scoprendo e riscoprendo tante persone vicino a me e altre che pensavo si incastrassero, invece si sono rivelate "differenti".
Tutto mi insegna.
Ora me ne torno a casa, con una valigia che davvero mi chiedo come faccia a contenere tanto ogni volta.
Ultimo giorno da ventisettenne...